ATMOSFERE DA BAR

    10 Album fondamentali dell’Acid Jazz - Seconda parte

    Categoria: Note da BAR 30-10-2012 / 0 commenti / Irma Record
    Votazione:

    L’Acid Jazz nasce alla fine degli anni 80 in Inghilterra. Due dj di Londra, Gilles Peterson e Eddie Piller, decidono di riscoprire le sonorità che negli anni 70 avevano fuso il Soul il Jazz ed il Funk e riproporle per il club di quegli anni. Fondano inizialmente insieme l’etichetta con il nome omonimo, poi Gilles Peterson da solo fonda la Talking Loud e inizia un programma su BBC Radio 1 che porterà alla diffusione di massa del genere.

     

     

    The Brand New Heavies - Original Flava (Acid Jazz 1995)

    Nonostante sia datato 1995 questo album raccoglie le produzioni del gruppo che vanno dal 1990 al 1991 e che racchiude quindi i loro brani migliori come Never Stop, Dream Come True e Got To Give. Nato come gruppo che recuperava il sound Funky e Soul anni 70 (genere detto Rare Groove) diventa poi negli anni uno dei simboli del genere Acid Jazz grazie ai suoi musicisti fondatori Jan Kincaid, Simon Bartholomew e Andrew Lewy e alla voce di N'Dea Davenport.

     

    Jestofunk - Love In A Black Dimension (Irma 1994)

    Formatosi nel 1991 dall'unione di tre dj italiani, lo storico Claudio Rispoli in arte Mozart, Francesco Farias e Blade, il gruppo dei Jestofunk esordisce con un album nel 1994 che non ha precedenti nella storia della musica italiana. La loro fusione di House, Funky, Elettronica è inedita anche per molti dj in tutto il mondo tanto che il loro successo è internazionale. Il singolo Can We Live è quello trainante durante l'uscita dell'album che contiene anche gli altri due singoli precedenti I'm gonna Love You e soprattutto quel Say It Again che ha spopolato in Francia. Sicuramente il più importante prodotto non anglosassone del genere.

     

    Bossa Nostra - Solaria (Irma 1995)

    Dalla mente del dj Produtore Luca LTJ Trevisi nasce l'idea di riunire questo gruppo di musicisti emiliani capitanati da Stefano Carrara per questo progetto Acid JAzz italiano. Il primo album Solaria vede tra gli ospiti la cantante Vicki Anderson, già corista di James Brown e moglie dello scomparso Bobby Bird, anch'egli membro dello storico gruppo dei Famous Flame di James Brown. Le sue versioni del suo classico del funky Message From The Soul Sisters e la cover di Gil Scott Heron 'Home is where the atre is' sono i punti più alti del disco. Grande riscontro anche la cover di The Cricket Sing for Anamaria di Marcos Valle e il brano originale Scream.

     

    The Black Mighty Orchestra - To the sky (Irma 2000)

    Dopo innumerevoli tracce con svariati pseudonimi il dj, musicista e produttore Cesare Cera con il nome di The Black Mighty Orchestra riunisce i suoi amici musicisti e giunge al traguardo del suo primo album To The Sky. Ohm Guru, Maestro Garofalo, Dj Rodriguez, Clan Greco e la voce di Elise fanno di questo album un sunto di sonorità da club influenzate dal Soul e dal Jazz e dalle colonne sonore. Brano di punta Ocean Beach, diventato un classico del chill out e la riproposta della hit house (originariamente a nome Be Noir) Give me Your love.

     

    Papik - Rhythm of life (Irma 2009)

    Uscito solo da 3 anni ma già da considerarsi un classico di una delle evoluzioni dell'Acid Jazz oggi denominata Nu Jazz. Il progetto del musicista e produttore romano Nerio Poggi, già collaboratore di Mario Biondi, è un insieme di splendide canzoni perfette per l'ascolto rilassante e raffinato del migliore cocktail party. Alla voce il sorprendente Alan Scaffardi e la raffinata Ely Bruna. Il singolo 'Staying for good' è ancora oggi in programmazione nei network radiofonici italiani.

     

    Photogallery

    Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento!

    Top