ATMOSFERE DA BAR

    10 Album fondamentali dell’Acid Jazz - Prima Parte

    Categoria: Note da BAR 19-10-2012 / 0 commenti / Irma Record
    Votazione:

    L’Acid Jazz nasce alla fine degli anni 80 in Inghilterra. Due dj di Londra, Gilles Peterson e Eddie Piller, decidono di riscoprire le sonorità che negli anni 70 avevano fuso il Soul il Jazz ed il Funk e riproporle per il club di quegli anni. Fondano inizialmente insieme l’etichetta con il nome omonimo, poi Gilles Peterson da solo fonda la Talking Loud e inizia un programma su BBC Radio 1 che porterà alla diffusione di massa del genere.

     

     

    Incognito - Positivity 1993 (Talking Loud)

    Dopo un album nel 1981 e i primi due album mitici per l'etichetta per eccellenza dell'Acid Jazz, la Talking Loud del dj Gilles Peterson, il quarto album Positivity consacra gli Incognito come la band più importante del movimento. Con alla voce la loro cantante storica Maysa Leak e l'esordiente Mark Anthoni, il leader Jean-Paul "Bluey" Maunick intreccia vari genere musicali che vanno dal jazz alla musica classica in un suono unico e ineguagliabile.

     

    Ronny Jordan - Quiet Revolution 1993 (4th & Broadway)

    Uno dei più importanti chitarristi del movimento Acid Jazz, il londinese Ronny Jordan è, nonostante le proteste dei puristi del jazz, fondamentale nella riscoperta dello strumento e della fusione tra i nuovi stili della musica nera. Chitarrista autodidatta, cresce nella musica religiosa e il gospel fino a quando scopre l'HipHop e decide di provare a fonderlo con il jazz. La sua versione di So What di Miles Davis diventa un successo e ben presto il rapper e produttore Guru lo coinvolge nel suo progetto Jazzmatazz per la storica etichetta Blue Note. L'album The Quiet Revolution è il disco della sua definitiva consacrazione anche per il pubblico di massa.

     

    Soul II Soul - Club Classics Volume One (Virgin 1989)

    Club Classics Volume One è l'album di debutto del gruppo inglese Soul II Soul capitanato dai dj e produttori Jazzie B e Nellee Hooper e che contiene i loro due più grandi successi: Back To Life e Keep on Movin.

    Nel gruppo si alternano alcune delle voci più belle del soul inglese tra le quali spicca quella di Caroon Wheeler. L'album è stato primo in classifica in Inghilterra e in classifica in USA trainato dal singolo Back To Life. Ad oggi l'album è uno dei dischi inglesi più importanti degli ultimi anni.

     

    Us3 - Hand On The Torch (Blue Note 1993)

    L'album di esordio dei due produttori inglesi che si celavano dietro lo pseudonimo è quello che contiene il loro più grande successo Cantaloop (Flip Fantasia). Il brano è basato sul campione del famoso brano jazz di Herbie Hancock Cantaloupe Island. Da qui l'interessamento della più importante etichetta jazz al mondo, appunto la Blue Note, dal cui catalogo sono tratti tutti i campioni dell’album. In questa raccolta si compie definitivamente la fusione tra jazz e Hip Hop che tanto ha influenzato gli artisti dei due generi negli anni a venire.

     

    Jamiroquai - Travelling without moving (Sony 1996)

    Il gruppo dei Jamiroquai è il progetto del suo leader e cantante inglese Jason "Jay" Kay. Scartato da un’audizione come cantante dei Brand New Heavies decide di formare un suo gruppo ed esordisce nel 1992 con l'etichetta Acid Jazz di Eddie Piller. Travelling Without Moving è il terzo album del gruppo e quello della consacrazione definitiva in tutto il mondo con singoli come Virtual Insanity e Cosmic Girl che hanno raggiunto il vertice delle classifiche di tutto il mondo. Probabilmente l'album di maggior successo commerciale del genere.

    Photogallery

    Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento!

    Top